domenica 14 luglio 2024

Audi Q6 e-tron: il futuro della mobilità elettrica premium

Audi Q6 e-tron, il primo modello di serie basato sulla piattaforma nativa elettrica PPE, rappresenta un notevole salto tecnologico nel settore della mobilità elettrica premium. Questo SUV elettrico segna un nuovo punto di riferimento nella categoria per autonomia, raggiungendo fino a 641 chilometri, e potenza di ricarica, permettendo di ripristinare fino a 260 chilometri di autonomia in soli 10 minuti grazie ai 270 kW di ricarica in DC.

Innovazioni Tecniche

Il Q6 e-tron si distingue per una serie di highlights tecnici, tra cui una batteria da 100 kWh e una tensione a 800 Volt, accompagnati da una gestione termica predittiva. Queste caratteristiche, combinate con servizi avanzati, rendono l’accesso alla ricarica straordinariamente rapido e intuitivo. Un esempio è il servizio “e-tron power on demand” fornito da E-GAP, che permette la ricarica on demand ovunque ci si trovi, eliminando la necessità di cercare una colonnina.

Piattaforma PPE e Collaborazione con Porsche

Basato sulla piattaforma Premium Platform Electric (PPE), sviluppata in collaborazione con Porsche, il Q6 e-tron utilizza potenti motori elettrici abbinati a una batteria agli ioni di litio di nuova concezione. Questa batteria, con capacità nominale di 100 kWh (94,9 kWh netti) e tensione di 800 Volt, garantisce prestazioni elevate e una ricarica efficiente.

Struttura della Batteria

La batteria del Q6 e-tron è composta da 12 moduli, ciascuno contenente 15 celle prismatiche, per un totale di 180 celle. Questa configurazione riduce il numero di moduli rispetto all’Audi Q8 e-tron, che ne utilizza 36, portando vantaggi in termini di spazio, peso e efficienza di integrazione. Il rivestimento del sottoscocca in fibre composite contribuisce ulteriormente alla riduzione del peso e all’isolamento termico.

Gestione Termica Predittiva

La gestione termica predittiva consente al Q6 e-tron di ripristinare fino a 260 chilometri di autonomia in soli 10 minuti presso una stazione HPC, grazie alla tensione a 800 Volt e alla potenza di ricarica in DC fino a 270 kW. Il sistema di gestione della batteria, integrato con 12 rilevatori dello stato delle celle, interagisce con la piattaforma HCP4 per ottimizzare le prestazioni di ricarica e il condizionamento dell’accumulatore.

e-tron Trip Planner

Il pianificatore degli itinerari e-tron trip planner consente di verificare quante ricariche siano necessarie per raggiungere una destinazione, precondizionando la batteria in previsione del “rifornimento” HPC. Questo sistema, gestibile sia tramite l’app myAudi sia attraverso il sistema multimediale MMI, aggiorna costantemente la pianificazione di viaggio in base allo stato delle colonnine, al traffico e allo stile di guida.

Bank Charging e Ricarica in Corrente Alternata

Per ottimizzare la ricarica anche presso colonnine a 400 Volt, il Q6 e-tron utilizza il “bank charging”, dividendo la batteria in due accumulatori che possono essere ricaricati in parallelo con potenze fino a 135 kW. La ricarica in corrente alternata è possibile con potenze fino a 11 kW, espandibili a 22 kW.

Funzione Plug & Charge

La funzione Plug & Charge (PnC) rende il rifornimento elettrico più immediato rispetto a quello tradizionale con carburanti fossili. Collegando il cavo di ricarica presso le colonnine HPC dei network IONITY o ewiva, il Q6 e-tron ottiene automaticamente l’autorizzazione e avvia il processo senza necessità di schede o app.

Audi Charging

Audi charging, attivo in 29 Paesi europei, offre l’accesso a 700.000 punti di ricarica, inclusi oltre 45.000 in Italia, con più di 3.200 colonnine HPC. Con vari piani tariffari, il servizio garantisce vantaggi significativi, come l’accesso a condizioni particolarmente vantaggiose alle reti IONITY ed ewiva.

Nuova supersportiva in casa Mercedes – AMG


Mercedes-AMG ha presentato al Goodwood Festival of Speed l’ultima nata della famiglia AMG GT: la nuova Mercedes-AMG GT 63 PRO 4MATIC+ (dati provvisori; consumo energetico combinato: 14,1 l/100 km | emissioni di CO2 combinate: 319 g/km | CO2 classe: G) si rivolge agli appassionati che cercano una dinamica di guida eccezionale. La risposta agile ai comandi di guida e le prestazioni complessive offrono un’esperienza di guida ancora più sportiva, particolarmente apprezzabile in pista. La maggiore potenza, la messa a punto aerodinamica con un’ulteriore riduzione della portanza aerodinamica e il raffreddamento potenziato contribuiscono ad aumentare la dinamica di guida e i tempi di percorrenza sul circuito.

Allo stesso tempo, il nuovo modello offre gli stessi vantaggi degli altri membri della famiglia AMG GT. Sulla base della richiesta dei clienti di una migliore fruibilità quotidiana rispetto alla serie precedente, la seconda generazione di AMG GT offre una generosa sensazione di spazio e una buona visibilità a 360°. È inoltre disponibile come optional in configurazione 2+2. Componenti high-tech come le sospensioni AMG ACTIVE RIDE CONTROL con stabilizzazione attiva del rollio, l’asse posteriore sterzante di serie e l’aerodinamica attiva rendono più incisivo il profilo di guida. Inoltre, questa coupé sportiva mette la sua potenza sulla strada con la trazione integrale AMG Performance 4MATIC+ completamente variabile.

Prestazioni migliorate e handling ottimizzato per la pista

Il V8 biturbo AMG da 4,0 litri nella configurazione da 450 kW (612 CV) garantisce una propulsione superiore. Fornisce 20 kW (27 CV) in più rispetto alla AMG GT 63 e gli esperti di Affalterbach hanno aumentato la coppia massima di 50 Nm, portandola a 850 Nm per un’accelerazione ancora più potente. Questo aumento delle prestazioni è stato ottenuto adattando la centralina del motore. La AMG GT 63 PRO si distingue per le sue prestazioni, soprattutto alle alte velocità: scatta da zero a 200 km/h in soli 10,9 secondi (0,5 secondi più veloce della AMG GT 63). La velocità massima è di 317 km/h.

Pacchetto di raffreddamento ampiamente ampliato

I tecnici dedicati ad AMG GT hanno rafforzato i circuiti di raffreddamento ad alta e bassa temperatura, in modo che la trasmissione non si surriscaldi troppo anche con un carico maggiore. Due radiatori sono ora posizionati nei passaruota anteriori destro e sinistro. Questo aumenta le prestazioni di raffreddamento della trasmissione e quindi le prestazioni complessive del veicolo in pista.

I radiatori montati sopra i differenziali sull’asse anteriore e posteriore e del transfer case della trazione integrale completamente variabile AMG Performance 4MATIC+ sono ora raffreddati attivamente. Con l’aiuto di pompe dell’acqua ad azionamento elettrico, il liquido di raffreddamento circola nei circuiti di raffreddamento corrispondenti e può quindi dissipare il calore in modo migliore e più continuo attraverso i radiatori montati in alto.

La nuova geometria delle alette di guida dell’aria sul sottoscocca e le piastre di copertura dei freni rivisitate convogliano, inoltre, una maggiore quantità di aria verso i freni. Ciò ne aumenta la durata e previene le temperature troppo elevate dei freni.

Aumento delle prestazioni aerodinamiche

La messa a punto aerodinamica aumenta anche le prestazioni complessive in termini di dinamica longitudinale e laterale. Gli esperti di aerodinamica e gli specialisti della dinamica di guida hanno lavorato a stretto contatto. La grembialatura anteriore ridisegnata è ancora più dominante. Integra ulteriori deflettori d’aria in fibra di carbonio a vista intorno alle prese d’aria laterali allargate. Il profilo aerodinamico attivo nel sottoscocca, il sistema di controllo attivo dell’aria AIRPANEL nella grembialatura anteriore e il pacchetto aerodinamico con alettone posteriore fisso sul portellone sono anch’essi di serie. La portanza aerodinamica sull’asse anteriore è ridotta di oltre 30 kg. Il risultato è un comportamento dello sterzo ancora più preciso. La AMG GT 63 PRO dispone anche di deflettori d’aria aggiuntivi sul sottoscocca, simili a quelli della Mercedes-AMG ONE. Queste alette, situate all’altezza degli assi anteriore e posteriore, accelerano il flusso d’aria sul sottoscocca. Tutte le misure sono coordinate e interagiscono con il concept dell’ala posteriore, che aumenta la deportanza sull’asse posteriore di circa 15 kg.

DACIA Spring: la rivoluzione elettrica accessibile a tutti

DACIA Spring, il primo modello completamente elettrico del marchio DACIA, ha segnato una svolta nella mobilità a zero emissioni rendendola accessibile a un ampio pubblico. Lanciata nel 2021, la Spring si è affermata rapidamente come una delle auto elettriche preferite dai consumatori privati, classificandosi come la terza più venduta in questa categoria sia nel 2022 che nel 2023. A livello globale, sono state immatricolate oltre 150.000 unità dal suo lancio.

Premi e Riconoscimenti

Grazie alla sua efficienza energetica e al basso impatto ambientale, la DACIA Spring ha ottenuto numerosi riconoscimenti, tra cui il prestigioso voto di 5 stelle dall’ente europeo indipendente Green NCAP nel 2022.

Caratteristiche di Successo

Il successo della Spring si deve alla sua capacità di rispondere perfettamente alle esigenze di una mobilità semplice, accessibile ed efficiente. I dati di connettività dell’auto rivelano che gli utenti percorrono mediamente 37 km al giorno a una velocità media di 37 km/h, e nel 75% dei casi la ricarica avviene a domicilio.

Evoluzione Continua

DACIA Spring ha mantenuto il suo appeal grazie a continui aggiornamenti e miglioramenti. Nel 2022, ha adottato una nuova brand identity e, nel 2023, è stata introdotta una motorizzazione più potente da 65 CV. Questi aggiornamenti hanno permesso alla Spring di rimanere l’auto elettrica più accessibile sul mercato.

Nuova DACIA Spring: Ancora più Attraente

La nuova DACIA Spring porta avanti il successo del modello originale con un design completamente rivisitato e più robusto. Offre un interno spazioso e versatile, un motore da 65 CV prestazionale ma efficiente, e resta l’offerta più conveniente nel mercato delle auto elettriche.

Design Esterno e Interno

Il nuovo design di DACIA, inaugurato con l’ultima generazione di Duster, conferisce alla Spring un aspetto solido e moderno. Le linee semplici ma definite e le caratteristiche firme luminose a "Y" sulle luci diurne anteriori e posteriori a LED sono elementi distintivi del nuovo stile.

All’interno, la plancia è stata completamente ridisegnata per integrare la nuova gamma di display digitali, offrendo un cruscotto personalizzabile da 7” e un display multimediale da 10” nei livelli di allestimento superiori. I materiali e i colori sono stati scelti per aumentare la qualità percepita, mantenendo i costi contenuti.

Performance e Maneggevolezza

Nuova Spring offre miglioramenti significativi nell'ergonomia del posto guida e nel comportamento dinamico. Tra questi, un nuovo volante, una colonna dello sterzo regolabile in altezza, una nuova messa a punto del servosterzo elettrico, nuove ruote da 15’’ e un sistema di frenata rigenerativa con modalità B (Brake) per una rigenerazione energetica ottimizzata.

Efficienza Energetica

La leggerezza della Nuova Spring, con un peso inferiore a una tonnellata, contribuisce alla sua efficienza energetica. Il consumo energetico è inferiore a 13,5 kWh/100 km per la versione da 65 CV e 14,1 kWh/100 km per la versione da 45 CV, garantendo un'ottima autonomia di 225 km con una batteria compatta da 26,8 kWh.

Ricarica e Connettività

Nuova Spring è dotata di un caricabatterie in corrente alternata da 7 kW, con un’opzione di caricabatterie in corrente continua da 30 kW per una ricarica rapida. La funzione di ricarica bidirezionale V2L consente di utilizzare l'auto come fonte energetica per dispositivi esterni.

Gamma e Allestimenti

La gamma della Nuova Spring si amplia con l’introduzione dell’allestimento Expression, mentre la versione Extreme rappresenta il top di gamma. La motorizzazione da 65 CV è disponibile su entrambe le versioni, mentre quella da 45 CV è riservata all’Expression.

La commercializzazione in Italia è prevista per l'estate, e per la prima volta, la Spring sarà disponibile anche con guida a destra per il mercato britannico.

domenica 7 luglio 2024

Presentata la nuova S-Cross Hybrid, che da oggi è più connessa e più sicura


I clienti Suzuki lo sanno bene: “Tutto di serie, senza sorprese” è molto più di un semplice slogan. Da sempre la casa di Hamamatsu propone al suo pubblico un’offerta commerciale chiara e trasparente impegnandosi per un miglioramento continuo dei propri prodotti, in linea con la tipica filosofia giapponese kaizen.

La sicurezza non è un optional

Le principali novità della dotazione riguardano i sistemi di assistenza alla guida, che si arricchiscono di dispositivi avanzati capaci di far compiere a S-Cross Hybrid un significativo passo avanti in materia di sicurezza, comfort e praticità:

Sistema “Attentofrena” Liv. 2 – Dual Sensor Brake Support II (DSBS II)

Sfruttando un radar ad onde millimetriche e una telecamera monoculare, rileva con precisione i veicoli, le biciclette e i pedoni in un’ampia area circostante. Il dispositivo segnala la loro eventuale presenza e provvede, in caso sia necessario, a rallentare la vettura per ridurre il rischio di collisioni frontali, diagonali o laterali e limitarne le eventuali conseguenze.

Sistema “Guidadritto” Liv. 3”

Integra i dispositivi Lane Keep Assist (LKA) e Lane Departure Prevention (LDP) e permette all’elettronica di mantenere il veicolo al centro della corsia quando il cruise control adattivo è in funzione ed è pronta ad assistere la sterzata in caso di manovre d’emergenza, come in presenza di altri veicoli o di ostacoli.

Sistema “Guardalastrada” – Driver Monitoring System (DMS)

Adesso S-Cross Hybrid è in grado di monitorare gli occhi e il viso del conducente, richiamandone l’attenzione quando riscontra distrazione o il rischio di un colpo di sonno.

Sistema “Occhioallimite” Liv. 2 – Traffic Sign Recognition (TSR)

Questo sistema è in grado non solo di leggere i segnali stradali, ma anche di permettere al conducente un rapido adeguamento della velocità ai limiti vigenti nel tratto di strada percorso quando cruise control adattivo in funzione.

L’elenco degli ADAS presenti su S-Cross Hybrid si completa con i sistemi:

– “Guardaspalle” – Blind Spot Monitor (BSM),
– “Vaipure” – Rear Cross Traffic Alert (RCTA),
– “Partifacile” – Hill hold control
– “eCall” chiamata di emergenza
– “Failafila” con Stop&Go (nella versione con cambio automatico l’Adaptive Cruise Control (ACC) include questa funzione )

Con questi innesti nella dotazione, S-Cross Hybrid garantisce il massimo della sicurezza e ottiene la classificazione GSR ready in base alle normative europee relative alla General Safety Regulation. In questo modo il SUV di Hamamatsu risulta in regola con la normativa che dal mese di luglio introdurrà per tutte le nuove vetture di nuova omologazione l’obbligo di adottare una serie di ADAS, al fine di ridurre i rischi di incidenti sulle strade.

Un allestimento senza pari

Anche a livello degli altri equipaggiamenti ci sono dei miglioramenti significativi per l’intera gamma S-Cross Hybrid. Per quanto riguarda gli esemplari in allestimento TOP, la Nuova S-Cross Hybrid viene configurata di serie con i seguenti contenuti aggiuntivi:
– Sistema multimediale con schermo touch da 9’’
– Navigatore integrato
– Apple CarPlay con connessione wireless
– Android Auto con connessione wireless
– Sistema “Nontiabbaglio”
– Specchietto retrovisore elettrocromico

Nel caso invece degli allestimenti TOP+ e STARVIEW la Nuova S-Cross Hybrid le novità sono:
– Android Auto con connessione wireless
– Sistema “nontiabbaglio”
– Specchietto retrovisore elettrocromico

Un vantaggio concreto per la clientela

Gli allestimenti TOP e TOP+ sono disponibili con motorizzazione 1.4 48V e cambio manuale.
Mentre l’allestimento STARVIEW è sempre disponibile con cambio automatico e motorizzazione 1.5 140V.
Su tutte le versioni è sempre possibile abbinare l’iconica trazione integrale Suzuki ALLGRIP SELECT con albero di trasmissione e selettore di guida a 4 modalità.
Un’offerta completa ed efficiente in grado di soddisfare le esigenze dei clienti in termini di comfort, prestazioni e consumi.

Il nuovo listino al pubblico parte da 27.990 € delle S-Cross Hybrid 1.4 48V 2WD 6MT TOP per arrivare a 36.390 € delle S-Cross Hybrid 1.5 140V 4WD AT STRAVIEW, con un concreto vantaggio per la clientela. Gli automobilisti possono portare a casa un’auto completa di nuova tecnologia più sicura, pratica ed efficiente che sarà capace di conservare meglio il proprio valore nel tempo.

S-Cross Hybrid beneficia su tutte le versioni del listino degli incentivi statali al pari di tutti i modelli che compongono la gamma Suzuki 100% ibrida, come ad esempio accade per la versione 1.4 48V 2WD 6MT TOP, che grazie a 2500€ di vantaggio cliente in caso permuta/rottamazione e 3000€ di incentivi statali è offerta al prezzo promo di 22.490€

Mercedes-AMG GLE 53 HYBRID 4MATIC+: high performance per tutti i giorni


Con la nuova Mercedes-AMG GLE 53 HYBRID 4MATIC+ SUV (consumo energetico combinato ponderato: 29,9-28,6 kWh/100 km più 1,5-1,3 l/100 km | consumo di carburante combinato a batteria scarica: 10,9-10,3 l/100 km | emissioni di CO₂ combinate ponderate: 33-29 g/km | Classe di CO₂ combinata ponderata: B | Classe CO₂ a batteria scarica: G) e Coupé (consumo energetico combinato ponderato: 29,1-27,9 kWh/100 km più 1,4-1,2 l/100 km | consumo di carburante combinato a batteria scarica: 10,5-10,1 l/100 km | emissioni di CO₂ combinate ponderate: 31-27 g/km | Classe di CO₂ combinata ponderata: B | Classe CO₂ a batteria scarica:

G), il marchio di auto sportive e ad alte prestazioni di Affalterbach, arricchisce la gamma con due nuovi modelli ibridi plug-in high performance che, grazie ad un’autonomia full electric che arriva fino a 87 chilometri, si dimostrano una scelta perfetta anche nell’utilizzo di tutti i giorni.

La base dell’esperienza di guida sportiva è il motore turbo a sei cilindri in linea da 3,0 litri. Per l’utilizzo ibrido, il motore di GLE è stato nuovamente modificato in modo estensivo. Con i suoi 330 kW (449 CV) offre oggi 10 kW (14 CV) in più rispetto a prima. Gli aggiornamenti includono un software riprogrammato e un’ulteriore radiatore nel fontale. Nella variante ibrida si potrebbe fare a meno del compressore supplementare elettrico, perché il motore elettrico ne assolve i compiti, come la sovralimentazione elettrica. Il risultato: Il motore da 3,0 litri reagisce in modo estremamente spontaneo e offre una risposta altamente dinamica.

Il sei cilindri in linea è abbinato a un motore elettrico da 100 kW, a una batteria di trazione con capacità installata di 31,2 kWh e alla trazione integrale AMG Performance 4MATIC+ completamente variabile. L’elevata densità di potenza del propulsore ibrido è ottenuta grazie alla tecnologia sincrona a rotore interno ad eccitazione permanente. La coppia massima di 480 Nm del motore elettrico è disponibile fin dal primo giro e garantisce un’elevata agilità anche in fase di partenza.

I valori specificati sono stati determinati secondo la procedura di misurazione prescritta WLTP (Worldwide Harmonised Light Vehicles Test Procedure). Gli intervalli indicati si riferiscono al mercato tedesco. Il consumo di energia e le emissioni di CO2 di un’auto dipendono non solo dall’uso efficiente del carburante o della fonte di energia da parte dell’auto, ma anche dallo stile di guida e da altri fattori non tecnici.

La potenza del sistema di 400 kW (544 CV) e la coppia massima di 750 Nm consentono prestazioni di guida impressionanti: l’accelerazione da 0 a 100 km/h richiede 4,7 secondi. La velocità è limitata elettronicamente a 250 km/h. Fino a 140 km/h è possibile viaggiare in modalità puramente elettrica. Con un’autonomia elettrica WLTP di 80-86 chilometri (SUV) e 82-87 chilometri (Coupé), la maggior parte delle distanze quotidiane possono essere percorse in modalità puramente elettrica. A bordo è presente un caricatore con una potenza di ricarica di 11 kW per la ricarica a corrente alternata. Inoltre, a richiesta, è disponibile un caricatore rapido da 60 kW per la corrente continua. Questo consente di caricare la batteria dal 10% all’80% in 20 minuti.

Nuovo look ed elementi di design specifici per l’ibrido

La nuova Mercedes-AMG 53 HYBRID 4MATIC+ adotta tutti gli aggiornamenti di design ed equipaggiamento dei modelli GLE a propulsione tradizionale, disponibili dalla primavera del 2023. Le versioni ibride plug-in si distinguono per particolari elementi di design all’interno e all’esterno. La presa d’aria di raffreddamento integrata al centro della protezione anteriore è aperta, in quanto qui si trova un radiatore supplementare per il frontale. I badge specifici per l’ibrido sui parafanghi anteriori e sulla parte posteriore indicano la trazione elettrificata. GLE 53 HYBRID 4MATIC+ offre di serie cerchi in lega leggera da 21 pollici. L’impianto frenante ad alte prestazioni AMG è formato da dischi freno ventilati internamente di 400×38 millimetri sull’asse anteriore con pinze fisse a sei pistoncini e di 370×32 millimetri sull’asse posteriore con pinze flottanti a singolo pistoncino.

All’interno, il sistema di infotainment MBUX comprende display e funzioni specifiche per l’ibrido. Tra queste, il menu di ricarica e i display nel quadro strumenti e sullo schermo multimediale, che forniscono informazioni, tra l’altro, sullo stato di carica e sulla temperatura della batteria ad alto voltaggio, nonché sull’autonomia elettrica.

Equipaggiamento di serie ampiamente aggiornato

La nuova Mercedes-AMG GLE 53 HYBRID 4MATIC+ risponde con precisione alle richieste spesso espresse dai clienti. La dotazione di serie del SUV comprende, tra l’altro, il tetto panoramico elettrico, i sedili anteriori riscaldabili, l’assistente agli abbaglianti adattivi e l’integrazione degli smartphone. Inoltre, sono di serie l’impianto di scarico specifico AMG, l’impianto audio Burmester®, il pacchetto memory, il parking pilot 360, il pacchetto KEYLESS GO e l’assistente per l’angolo cieco. È presente anche l’ultima generazione del volante AMG dove i ‘manettini’ rotondi del volante AMG si distinguono per la brillante visualizzazione e la logica di funzionamento intuitiva. In questo modo è possibile gestire importanti funzioni e tutti i programmi di guida senza dover togliere le mani dal volante. La corona del volante può essere riscaldata come optional e può essere ordinata anche in carbon look. La dotazione di serie della coupé è ancora più ricca: sono, infatti, di serie anche il climatizzatore per i sedili anteriori, la funzione di realtà aumentata MBUX e i fari MULTIBEAM LED.

Telaio di nuova concezione

Le sospensioni pneumatiche AMG RIDE CONTROL con smorzamento adattivo sono state appositamente sviluppate sulle specifiche della GLE 53 HYBRID 4MATIC+ con nuovi hardware e software. Offrono un’equilibrata combinazione di isolamento acustico per la guida puramente elettrica in combinazione con il carattere marcatamente sportivo, tipico di AMG.

Oltre ai nuovi stabilizzatori passivi sull’asse anteriore e posteriore, l’ibrido dispone di nuovi tamponi di arresto nei montanti anteriori e di ammortizzatori completamente nuovi sull’asse posteriore. Anche il software è stato completamente riprogrammato. La messa a punto del telaio, dell’ESP®, della trazione integrale AMG Performance 4MATIC+ completamente variabile e dello sterzo, adattato esattamente alla trazione ibrida, consente un’esperienza di guida equilibrata e sicura, ma anche dinamica e sicura.

I programmi di guida AMG offrono un’esperienza di guida ad ampio raggio

Da efficiente a dinamico: i programmi di guida AMG DYNAMIC SELECT sono adattati esattamente alla tecnologia di guida dell’ibrido plug-in. Regolano parametri importanti come la risposta della trasmissione e del cambio, la caratteristica dello sterzo, lo smorzamento del telaio o il sound del motore. Come impostazione predefinita, il modello 53 elettrificato si avvia silenziosamente nel programma di guida ‘Electric’. L’icona ‘Ready’ nel quadro strumenti segnala che il veicolo è pronto per la guida.

Oltre ai noti programmi di guida “Comfort”, ‘Sport’, ‘Sport+’, ‘Smoothness’ e ‘Individual’, la nuova Mercedes-AMG 53 HYBRID 4MATIC+ dispone di due programmi di guida specifici per l’ibrido. Selezionando la funzione ‘Electric’, la guida avviane in modalità puramente elettrica, fino a 140 km/h. Se la batteria è scarica o se il guidatore richiede improvvisamente più potenza (ad esempio per una rapida manovra di sorpasso), la strategia di funzionamento intelligente cambia automaticamente e il motore a combustione si avvia, assumendo istantaneamente la potenza motrice.

Nel programma di guida ‘Battery Hold’, il motore a combustione e il motore elettrico funzionano con una spinta massima di circa il 25%, come nel programma di guida “Comfort”. La differenza principale è che la strategia di funzionamento mantiene costante il livello di carica della batteria. Ad esempio, se la batteria è al 75% di carica, rimarrà in questo intervallo se si seleziona il programma di guida ‘Battery Hold’. L’uso del motore elettrico viene quindi limitato e ottimizzato per ottenere un basso consumo energetico, che viene compensato dal recupero. Cambiando semplicemente il programma di guida, il guidatore può decidere quando desidera utilizzare nuovamente la carica della batteria, ad esempio per il traffico urbano.

Durante la guida puramente elettrica, il sistema di segnalazione acustica del veicolo avverte dell’avvicinarsi dell’ibrido ad alte prestazioni con un suono AMG appositamente composto, a bassa frequenza e modulato in base alla velocità. Questo viene trasmesso all’esterno tramite un altoparlante nella parte anteriore e una soundbar con due altoparlanti nella parte posteriore. Una parte del suono può essere ascoltata discretamente anche nell’abitacolo come feedback acustico per i passeggeri. Nell’Unione Europea, il sistema è attivo fino a 20 km/h. Il segnale di guida elettrica si attenua poi in modo armonioso.

Pagani Automobili svela la nuova Huayra Epitome


Pagani Automobili è lieta di presentare la nuova Huayra Epitome, opera unica proveniente dalla divisione Grandi Complicazioni. È una straordinaria dimostrazione dell’impegno di Pagani nel portare le Hypercar a nuovi livelli di prestigio, innovazione e personalizzazione. Questa one-off rappresenta il massimo della tecnologia Pagani attualmente disponibile per le vetture stradali, in un’automobile su misura fino al più piccolo dettaglio.

La Huayra che sintetizza la più alta tecnologia Pagani.

Il cuore pulsante della nuova Huayra Epitome è il motore Pagani V12, capace di erogare 864 CV (635 kW) a 6.000 giri/min a 18 °C, con una coppia di 1.100 Nm. Costruito da AMG secondo le specifiche Pagani, questo propulsore sovralimentato da 5.980 cc a 60° presenta un sistema di distribuzione che prolunga il limitatore a 6.700 giri/min, offrendo una performance avvincente e dinamica. Ad oggi, la Epitome è la prima e unica Huayra dotata di cambio manuale, per una guida all’insegna della purezza meccanica. Grazie a un differenziale controllato elettronicamente e a un albero di trasmissione a tre bracci in stile racing, il cambio trasversale manuale a sette marce Pagani by Xtrac consente di trasferire tutta la potenza e l’eccezionale reattività del motore sulla strada. Il gruppo volano-frizione è composto da una frizione tridisco a diametro maggiorato per una migliore trasmissione di coppia, con un differenziale a gestione elettronica e un sistema di giunti tripoide di derivazione racing che garantiscono una maggiore reattività del motore. La ricerca tecnologica si è anche concentrata sulle sospensioni, con una geometria che riduce l’effetto di affondamento in accelerazione, l’effetto di beccheggio in frenata e il rollio in curva. Questo permette al pilota di affrontare le curve frenando all’ultimo istante, migliorando il controllo e la sicurezza del veicolo. Pagani Automobili desidera dare maggior risalto possibile al comfort di guida, considerandolo uno degli obiettivi più importanti nello studio e nell’evoluzione di tutte le vetture, anche quelle da pista. Grazie al nuovo sistema di sospensioni attive della Huayra Epitome, nell’abitacolo è presente un pulsante ‘super soft’ posizionato sul tunnel centrale che può essere attivato quando si guida su strade sconnesse per un comfort extra. Superati i 150 km/h, la regolazione degli ammortizzatori torna alla sua condizione normale, a seconda della modalità di guida selezionata.

Il sistema di scarico alleggerito in titanio a sei vie crea una sinfonia sonora che accompagna ogni accelerazione, ancora più coinvolgente con la pressione del pulsante quattro scarichi posizionato sul tunnel centrale. Le due uscite dirette aggiuntive con forma a sezione tonda sono state studiate per sfruttare il principio del diffusore soffiato e generare ulteriore deportanza. I cerchi monolitici in lega di alluminio forgiato della Huayra Epitome rappresentano il massimo della conoscenza tecnica di Pagani per raggiungere prestazioni e sicurezza ottimali. Realizzati con design esclusivo, ispirato a quello dell’Imola Coupé della collezione privata dello stesso cliente, presentano sette razze all’anteriore e nove razze al posteriore, con una dimensione anteriore più grande rispetto alla Huayra Coupé, mantenendo lo stile iconico della Roadster ma con un obiettivo di leggerezza per l’uso in pista. Abbinati agli pneumatici Pirelli P Zero™ Trofeo R, assicurano un’aderenza straordinaria, completando il pacchetto di prestazioni di questa vettura unica.

Linee pure ed eleganti, ma fende l’aria come lama affilata.

Un design pulito ed elegante caratterizza la Huayra Epitome, distinguendosi con elementi realizzati su misura per soddisfare le richieste di sartorialità che caratterizzano i progetti Grandi Complicazioni. Le forme inedite del paraurti anteriore e posteriore, il cofano anteriore con gruppi ottici esclusivi ed un nuovo sistema di estrazione d’aria del passaruota, il cofano posteriore con convogliatori laterali maggiorati e alettone integrato sono solo alcune delle caratteristiche che rendono questa one-off un pezzo di design e ingegneria senza tempo. Il frontale presenta un nuovo paraurti con splitter integrato, progettato su richiesta del cliente, per aumentare la deportanza e bilanciare la vettura in qualsiasi condizione di guida, accelerando il flusso d’aria verso i convogliatori del radiatore interno. La bocca più ampia consente una maggiore immissione d’aria verso i nuovi condotti interni, ottimizzando l’aerodinamica e migliorando l’efficienza dei radiatori anteriori. Anche i gruppi ottici sono esclusivi: la Huayra Epitome è l’unica one-off Pagani che presenta quattro gruppi ottici installati sul cofano anteriore e due elementi DRL installati sul paraurti, una scelta che garantisce l’esclusività della vettura favorendo l’essenzialità delle forme e migliorando al contempo l’efficacia luminosa. La parte posteriore è stata completamente ridisegnata seguendo le richieste del cliente, che desiderava un cofano con ala integrata, sintesi di Arte e Scienza: un design che non solo migliorasse le prestazioni, ma che elevasse anche l’estetica, mantenendo l’eleganza distintiva della Huayra. I supporti dell’ala si sviluppano organicamente dai muscoli laterali del cofano, creando un elemento scultoreo unico. Così, tutte le forme danno continuità alle linee della vettura, come scolpite dal vento. Il nuovo profilo aerodinamico dell’ala, progettato secondo gli studi della Huayra R, mira a bilanciare ottimamente la vettura in qualsiasi condizione di guida. Anche una nuova copertura aerodinamica per i fanali posteriori è stata progettata per ridurre la resistenza del flusso d’aria, estendendo lo strato limite laminare sul cofano e conferendo un aspetto aggressivo e unico al retro della vettura.

La divisione Grandi Complicazioni

Per natura, alcune invenzioni tecnologiche richiedono una progettazione così complessa che possono essere realizzate solo in limitatissime quantità. Anche un solo esemplare. Nel mondo dell’Alta Orologeria si chiamano Grandes Complications e Pagani Automobili ne omaggia l’ispirazione per la divisione dedicata ai progetti speciali: si tratta di vetture realizzate in serie ultra-limitata, che presentano tecnologie talmente complesse che solo pochi maestri artigiani sono in grado di portare a compimento. Questa divisione propone un’infinita possibilità di personalizzazioni, a partire dai concetti, alle forme, agli elementi, fino ad arrivare ai materiali, ai colori e alle finiture. Ogni dettaglio è progettato in totale sinergia con i clienti, così da soddisfare ogni desiderio e realizzare un’opera integralmente su misura.

Maldarizzi Automotive presenta 'Junior', la nuova Alfa Romeo urbana


BARI – Unisce cuore e testa la nuova sportiva di Alfa Romeo, presentata ieri da Maldarizzi Automotive a Bari. L’atteso evento di presentazione del SUV compatto “Junior” ha rappresentato per il dealer del Sud Italia anche l’occasione per inaugurare il nuovo showroom del capoluogo pugliese, l’unico in città con i nuovi standard Alfa Romeo.

“Siamo felici di potervi accogliere nella nostra storica sede Alfa Romeo a Bari, da oggi rinnovata. Ancor di più, di potervi mostrare il primo modello totalmente elettrico della casa automobilistica italiana che ha conquistato il pubblico con il suo design raffinato e le sue prestazioni eccezionali” – ha dichiarato Nicola Maldarizzi, Co-Ceo della Maldarizzi Automotive, ringraziando i presenti per la calorosa partecipazione alla preview.


Al reveal della vettura, presenti oltre 200 ospiti che hanno potuto scoprire il design originale e moderno del nuovo modello che rilancia la gamma del “Biscione” e che declina un perfetto equilibrio tra bellezza funzionale e un heritage ineguagliabile in campo automobilistico.

La neonata in casa Alfa Romeo ispira sin da subito divertimento, vitalità e dinamismo ma soprattutto di sportività, grazie alla carreggiata allargata, l'assetto specifico delle sospensioni che rende Junior aderente al terreno, e, naturalmente, ai cerchi sportivi da 20”.

Protagonista dei dettagli, lo “Scudetto” che annuncia la transizione verso una nuova tecnologia: Junior è il primo modello elettrico puro nella storia del brand, che conta su due versioni elettrificate (una da 156 CV e l’altra da 240 CV) con autonomia fino a 410 km e un tempo di ricarica dal 10 al 80% in meno di 30 minuti. Novità anche in termini di ibrida, ora disponibile con un potente motore a tre cilindri da 1,2 litri e 136 CV, a cui, prossimamente, si affiancherà anche una versione ibrida Q4, il primo ibrido senza spina con sistema di trazione All-Wheel Drive.


Alfa Romeo Junior raggiunge il livello 2 di guida assistita, grazie a sistemi avanzati che migliorano il controllo e monitorano costantemente l’ambiente esterno alla vettura come, ad esempio, l’assistente vocale che utilizza IA generativa ChatGPT in grado di fornire consigli su qualsiasi argomento.

“Junior è un’auto che incarna perfettamente lo spirito dell’innovazione e della tradizione italiana, accessibile grazie al prezzo entry level di 29.900euro- ha dichiarato Ygor Conte, brand manager Maldarizzi Automotive per il gruppo Stellantis – Questo modello rappresenta un passo avanti significativo per il brand e siamo certi che, facendovela guidare, saprà farvi battere il cuore”.