Arriva la Mazda MX-30 MY2022

domenica 8 maggio 2022

Arriva la Mazda MX-30 MY2022


La versione 2022 della Mazda MX-30 è da oggi in vendita in Italia e presenta prestazioni di ricarica e funzionalità di alimentazione migliorate, un’evoluzione della sonorità EV e nuove opzioni di colore sia per l’esterno, sia per le finiture interne.

Gli aggiornamenti tecnici della Mazda MX-30 2022 consistono nel nuovo On Board Charger (OBC) interno, ora di tipo trifase da 11 kW, e nella possibilità di utilizzare la ricarica rapida con potenza massima di assorbimento fino a 50 kW. Grazie a tali modifiche, si riduce sensibilmente il tempo di ricarica presso le colonnine pubbliche che cedono corrente in modalità trifase. Infatti, il tempo di ricarica dal 20% all’80% impiega solo 1 ora e 50 minuti, mentre presso le stazioni di ricarica veloce in corrente continua (CC) occorrono solamente 26 minuti.

Un ulteriore aggiornamento tecnico che caratterizza la MX-30 2022 riguarda la sonorità elettrica che viene trasmessa all’interno dell’abitacolo dagli altoparlanti dell’impianto audio: la frequenza sonora è stata ulteriormente ottimizzata per risultare ancora più naturale, aumentando le doti di comfort interno e aiutando i conducenti a riconoscere la quantità di coppia trasmessa dal propulsore elettrico.

Il line-up è stato completamente rinnovato: sono ora presenti le nuove versioni Prime Line ed Exclusive Line, entrambe dotate dei principali sistemi di assistenza alla guida compresa la frenata di emergenza in prossimità degli incroci e l’Head Up Display per la proiezione delle informazioni di guida sul parabrezza.

La versione di accesso Prime Line è dotata di cerchi in lega da 18”, fari a LED, impianto infotainment completo di 8 altoparlanti e di Carplay/Android Auto, navigatore satellitare, videocamera posteriore, climatizzatore automatico e sensori luce/pioggia.

La versione intermedia Exclusive Line aggiunge ulteriori dotazioni come, ad esempio, il riscaldamento elettrico per sedili anteriori, volante e parabrezza, retrovisori ripiegabili elettricamente, presa da 150 W e bracciolo centrale posteriore.

La versione top di gamma Makoto si distingue per la presenza di fari a matrice di Led e i montanti esterni in grigio satinato o nero lucido, a cui si aggiungono equipaggiamenti interni di serie che aumentano il comfort a bordo e il rivestimento dei sedili disponibile in 3 diverse tonalità: Modern Confidence (bianco) con inserti in Denim, Industrial Vintage (marrone) con inserti in similpelle neri e il nuovo Urban Expression con rivestimenti totalmente neri, che conferiscono una decisa eleganza al design. Inoltre, gli interni sono arricchiti da dettagli in sughero così come i rivestimenti delle portiere sono in materiale PET derivato da plastica riciclata.

Tra gli allestimenti Exclusive Line e Makoto viene introdotta la versione speciale Advantage il cui punto di forza è l’elevato rapporto equipaggiamento/prezzo, offrendo di serie numerose feature caratterizzanti la versione top di gamma Makoto ma ad un prezzo di listino inferiore di 1.750 euro rispetto a quest’ultima.

L’elettrica di Casa Mazda nella versione 2022 è disponibile in 10 colorazioni di cui 4 di tipo multi-tone, che associano al tetto nero lucido un diverso colore della carrozzeria, tra cui il Jet Black e la nuova tinta Zircon Sand, un beige naturale ispirato alla sabbia di zirconio, che riflette l’antica tradizione Mazda nella produzione di stampi per colata e l’esclusivo Soul Red Crystal, per un aspetto più sportivo.

La MX-30 2022 è ordinabile già da oggi presso gli showroom Mazda con prezzi che partono dai 36.650 euro della versione Prime Line fino ad arrivare ai 39.400 euro della Makoto; la versione speciale Advantage viene invece offerta a un prezzo di listino di 37.650 euro. Grazie ai suoi prezzi di listino inferiori alla soglia dei 35.000 euro +IVA, la Mazda MX-30 potrà eventualmente godere degli incentivi statali di possibile prossima introduzione, previsti per i veicoli elettrici con emissioni di CO2 all’interno della fascia 0-20 g/km.

Nasce la Ferrari SP48 Unica


MARANELLO (MO) - È stata presentata la Ferrari SP48 Unica, ultima nata della serie one-off. La vettura entra a far parte del gruppo più esclusivo dell’intera produzione della Casa di Maranello, vale a dire quei modelli unici che vengono forgiati attorno alle richieste di un cliente e disegnati a partire dai suoi requisiti.

La SP48 Unica, disegnata presso il Centro Stile Ferrari sotto la direzione del Chief Design Officer Flavio Manzoni, è una berlinetta sportiva a due posti creata a partire dalla piattaforma della F8 Tributo. Le sue linee tese e l’attitudine aggressiva la rendono immediatamente inconfondibile, grazie anche al frontale affilato e proiettato in avanti. Per raggiungere tale effetto è stata centrale la riprogettazione dei proiettori anteriori e il conseguente riposizionamento della presa d’aria dei freni.

Uno dei punti principali del design di questa vettura unica è rappresentato dal largo uso delle tecniche di modellazione parametrico-procedurale e prototipazione 3D (additive manufacturing) di cui si sono serviti i designer del Centro Stile Ferrari e gli ingegneri di Maranello per ripensare completamente la forma della calandra e delle prese d’aria del motore. Anche a tale avanzato processo produttivo, che ha permesso di creare perfette griglie 3D ricavate dal volume in pieno, si deve la sensazione di continuità dei modellati e la pienezza delle superfici.

Le soluzioni grafiche procedurali implementate dialogano direttamente con le griglie e istruiscono il design complessivo della SP48 Unica: di particolare evidenza è la transizione dal nero alla tinta carrozzeria che coinvolge cristalli, tetto e cofano motore. Lo spiccato effetto a visiera dell’anteriore è ulteriormente accentuato dalla riduzione dell’area dei cristalli laterali e dall’eliminazione del lunotto posteriore, esaltando così la muscolarità della SP48 Unica che pare scolpita in un solo blocco.

In pianta si evidenzia la sezione centrale del tetto, contenente una rappresentazione grafica delle prese d’aria che rimandano a quelle poste nella parte posteriore del vano motore in fibra di carbonio davanti allo spoiler. Ed è proprio da una prospettiva rialzata che si può apprezzare al meglio la ricerca stilistica di cui la SP48 Unica è permeata, svelandone il raffinato gioco di simmetrie e continuità suggerito dalle linee che ne compongono il disegno.

Sulla SP48 Unica, lo studio termo-fluidodinamico è stato accurato e raffinato, garantendo il soddisfacimento delle specifiche termiche e il raggiungimento di un nuovo punto di equilibrio aerodinamico. Le novità più evidenti rispetto alla F8 Tributo sono le bocche di ingresso dei flussi di raffreddamento del motore sul paraurti anteriore e sotto lo spoiler posteriore, dotate di una profonda calandra procedurale il cui orientamento è ottimizzato in ogni sezione per massimizzare la portata d’aria. La configurazione della vettura consente di posizionare una presa d’aria dedicata al raffreddamento degli intercooler immediatamente dietro i cristalli laterali, il che ha permesso di ridurre la dimensione delle bocche sulle fiancate. L’aumento dello sbalzo posteriore riduce le aspirazioni della zona tetto a vantaggio del carico posteriore.

La personalizzazione degli interni, che conservano una sostanziale identità tecnica con quelli della F8 Tributo, si basa sull’eliminazione del lunotto e su un intenso lavoro di ricerca della combinazione di colori e rivestimenti che meglio si adattasse al carattere sportivo, filante e aggressivo della SP48 Unica. Ne è esempio calzante l’Alcantara® nero con traforatura laser sviluppata ad hoc che ricopre gran parte dei sedili e dell’abitacolo, sotto la quale si intravede il tessuto cangiante dal rosso all’arancione dello stesso colore della carrozzeria. Il suo motivo riprende quello degli esagoni che sfumano dalle calandre e dalla livrea procedurale sul tetto, donando all’auto un piacevole effetto di continuità tra interni ed esterni. Entrando nella SP48 Unica, catturano l’attenzione anche i copribrancardi lucidati con lo stesso motivo esagonale impresso al laser. La fibra di carbonio opaca che impreziosisce gli interni dona un tocco molto tecnico all’abitacolo, completato da finiture in Grigio Canna di Fucile.

La one-off Ferrari SP48 Unica, progettata per un affezionato cliente del Cavallino Rampante che è stato coinvolto in ogni fase della sua creazione, rappresenta quindi un’audace reinterpretazione di una berlinetta sportiva che ne esalta l’anima corsaiola e la vocazione alla velocità; la vettura centra l’obiettivo di trasformare un modello esistente in modo originale ed efficace, ispirandosi e al contempo rendendo omaggio ai valori fondamentali del Marchio, vale a dire passione e innovazione.

PROGETTI SPECIALI

Il programma Progetti Speciali è volto alla creazione di vetture Ferrari uniche, chiamate One-Off e caratterizzate da un design esclusivo elaborato sulla base delle richieste del cliente, che diventa così proprietario di un modello prodotto in esemplare unico. Ciascun progetto parte dall’idea del committente, sviluppata insieme a un team di designer del Centro Stile Ferrari; dopo aver definito gli aspetti di design si passa alla realizzazione di dettagliati disegni tecnici e di un modello in scala, prima di iniziare la costruzione della vettura unica. Il processo richiede oltre un anno, durante il quale il cliente viene coinvolto in tutte le fasi di sviluppo e verifica progettuale. Il risultato di questa attività è una Ferrari unica, che si fregia del logo del Cavallino Rampante ed è realizzata secondo i canoni di eccellenza che caratterizzano la produzione di tutte le auto della Casa di Maranello.

Bmw IX: la prova


SAN BENEDETTO DEL TRONTO – BMW presenta il suo primo SUV completamente concepito e costruito come veicolo elettrico, l’IX. Il SUV della casa di Monaco è disponibile con 2 motorizzazioni elettriche IX40 da 326 cv, IX50 da 523 cv, IX60 da 619 cv.

Gli Esterni

Esternamente la vettura tedesca inaugura anche un nuovo stile, che riesce a far coesistere linee muscolose e dimensioni imponenti accanto a dettagli raffinati, che rendono personali le forme della vettura che è lunga 495 cm, alta 170 cm e larga 197 cm. Il frontale, per esempio, è massiccio e muscoloso, ma la mole della vettura viene quasi stemperata da due elementi che richiamano immediatamente l’attenzione: i sottili fari a led a sviluppo orizzontale che scivolano verso le fiancate e la mascherina verticale, chiusa, che mostra una fitta trama di triangoli a due e a tre dimensioni, e ha anche una funzione di pannello “intelligente” con sensori integrati, telecamera e tecnologia radar per i sistemi di assistenza alla guida. Poderosa nella parte bassa e nei due passaruota squadrati, la lunga fiancata ha un andamento più leggero in alto, con la base dei finestrini che sale verso la coda, le maniglie ricavate all’interno della carrozzeria e i vetri laterali privi di telaio. Dietro, spiccano i fanali a led orizzontali, molto sottili e il portellone avvolgente.


Gli Interni

Internamente l’abitacolo è elegante e quasi futuribile nell’aspetto, e stupisce per le soluzioni raffinate e lo stile pulito, essenziale. Ampio, accogliente e luminoso colpisce anche per la qualità dei materiali, la precisione dell’assemblaggio e la cura della realizzazione, fin nei più piccoli particolari. È d’impatto, per esempio, il doppio schermo del cruscotto digitale di 12,3” e del rinnovato sistema multimediale iDrive di 14,9”, uniti in un pannello curvo rivolto verso il guidatore. A rendere più “preziosi” gli interni della ci sono anche particolari ricercati, come la manopola dell’iDrive e i comandi dei sedili elettrici in cristallo (optional), o il volante esagonale. E si apprezza anche la plancetta multifunzione davanti al bracciolo, che sostituisce la consolle tradizionale liberando parecchio spazio. Le poltrone sono ampie, hanno un’imbottitura soffice e corposa e i fianchetti regolabili elettricamente per “cucirle” addosso mentre si guida, e hanno le funzioni di massaggio e ventilazione per non soffrire nei lunghi trasferimenti.

Il Test Drive

Ed ora è il momento del test drive: la BMW IX guidata è stata la IX40 XDrive da 103244 €. Con la IX, BMW entra nel segmento dei SUV di lusso concepiti e nati come vetture elettriche e non come elettrificazione di vetture a motore termico (esempio IX3). Mettendosi dietro al volante del nuovo prodotto tedesco si trova il DNA classico di ogni BMW: un mix superlativo di sportività ed eleganza, qui con il tocco in più della zero emission. Nonostante le forme importanti (quasi 5 metri di lunghezza con 3 metri di passo (distanza fra ruote anteriori e posteriori), la IX è agile e a suo agio sia nel traffico cittadino che nel suo elemento naturale: le grandi strisce di asfalto chiamate autostrade. Qui infatti si riesce meglio ad apprezzare le doti della motorizzazione elettrica da 326 cv che garantisce un’autonomia stimata e molto realistica di ben 425 km con una sola carica.

Il Listino Prezzi

Infine il listino prezzi: si va da 84000 € della IX40 XDrive a 134500 € della IX60 XDrive (Elettrico).

Bruno Allevi

martedì 3 maggio 2022

Il mercato dell'auto ancora in crisi nera: -44% ad aprile


ROMA - Le nuove immatricolazioni nell'ultimo mese sono state meno di 100mila, un calo di quasi il 33% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno e del 44% sul 2019.

Quasi tutte le case automobilistiche registrano flessioni pesanti. Il gruppo Stellantis ha venduto in Italia nel mese di aprile 34.504 auto, il 41% in meno dello stesso mese del 2021, con la quota che scende al 35,4% a fronte del 40,3% di aprile dell'anno scorso. Nei quattro mesi le immatricolazioni del gruppo sono state 158,296, in calo del 33,6% sull'analogo periodo del 2021, dal 40,3 al 36,3%.

Il Centro Studi Promotor parla di "dati catastrofici" e spiega che si proietta il risultato dei primi quattro mesi del 2022 sull'intero anno si ottiene una previsione di 1.117.044 unità, un livello da anni '60 del secolo scorso. Pesano la guerra, il ritardo delle forniture di componenti, ma tutte le associazioni della filiera sottolineano il grave ritardo degli incentivi. Per il presidente del Csp, Gian Primo Quagliano, si tratta di "errori, inefficienze e ritardi intollerabili". 

Quando gli incentivi arriveranno "si sbloccherà la domanda per circa 200.000 auto. Questo significa che nell'intero anno le immatricolazioni potrebbero arrivare a 1.317.000, livello che mette in dubbio la tenuta del sistema di distribuzione dell'auto. A rischio è, in particolare, la tenuta del sistema dei concessionari".

domenica 1 maggio 2022

Ecco la nuova 911 Sport Classic


La nuova 911 Sport Classic è il secondo dei quattro modelli da collezione previsti nell’ambito della strategia Heritage Design di Porsche. Sono in totale 1.250 gli esemplari del modello in edizione limitata di Porsche Exclusive Manufaktur che riprendono gli stilemi degli anni ’60 e dei primi anni ’70. Al pari del modello immediatamente precedente, ovvero la 911 Sport Classic basata sulla 997 e presentata nel 2009, il look di questa vettura trae ispirazione dalla 911 originale (1964 – 1973) e dalla 911 Carrera RS 2.7 del 1972. La 911 Sport Classic è ordinabile da subito, con prezzi a partire da 285.863 euro. La consegna potrà essere effettuata presso i Centri Porsche europei a partire da luglio 2022 e successivamente in altri mercati.

Porsche ha in programma la presentazione di quattro modelli in edizione limitata nel corso di un determinato periodo di tempo. Il primo di questi è stato introdotto nel 2020: la 911 Targa 4S Heritage Design Edition con dettagli stilistici tipici degli anni ’50 e ’60.

Porsche Design ha realizzato anche un cronografo di alta qualità riservato esclusivamente ai clienti che acquistano il modello in edizione limitata. L’orologio riprende perfettamente diversi particolari di design della nuova 911 Sport Classic. All’interno del pacchetto Heritage Design Classic, alcuni elementi selezionati degli interni della nuova 911 Sport Classic saranno resi disponibili anche per gran parte degli attuali modelli 911.

Reinterpretazione di elementi stilistici originali

La carrozzeria larga – altrimenti riservata ai modelli 911 Turbo -, uno spoiler posteriore fisso secondo lo stile della leggendaria Carrera RS 2.7 a “becco d’anatra” e il tetto a doppia bombatura esaltano il carattere distintivo della nuova 911 Sport Classic.

Come nel caso della prima generazione 997 della 911 Sport Classic lanciata nel 2009, i progettisti si sono ispirati alla verniciatura in tinta Fashion Grey della prima Porsche 356 quando si è trattato di scegliere l’esclusiva finitura del nuovo modello in edizione limitata. In alternativa all’esclusiva finitura Grigio Sport metallizzato, la nuova 911 Sport Classic è disponibile anche in Nero, Grigio Agata metallizzato, Blu Genziana metallizzato o Paint to Sample (colore come da campione). Le strisce doppie in Grigio Sport chiaro riportate sul cofano, sul tetto e sullo spoiler posteriore sottolineano il carattere sportivo della vettura.

All’interno, l’iconico motivo in tessuto Pepita si ritrova sui pannelli delle portiere e sulla fascia centrale dei sedili, mentre i rivestimenti in pelle bicolore semi-anilina in tonalità Nero/Classic Cognac offrono un elegante contrasto con la tinta esterna.

550 CV per la 911 manuale più potente in assoluto

Il sistema di propulsione si basa su un concetto altrettanto unico: il motore flat-six biturbo da 3,7 litri trasferisce i suoi 405 kW (550 CV) alla strada unicamente attraverso le ruote posteriori. Quest’ultimo, abbinato al cambio manuale a sette rapporti, fa della nuova 911 Sport Classic la 911 manuale più potente oggi disponibile sul mercato.

Il cambio ha una funzione auto-blip che compensa le differenze di velocità del motore tra i rapporti attraverso una breve esplosione di giri al momento della riduzione di marcia. L’impianto di scarico sportivo di serie è stato concepito appositamente per questo modello, così da garantire un sound ancora più emozionante.

Le sospensioni, ispirate a quelle dei modelli 911 Turbo e 911 GTS, soddisfano i requisiti prestazionali più elevati: il sistema PASM (Porsche Active Suspension Management) di regolazione elettronica degli ammortizzatori, incluso nella dotazione di serie, consente infatti agli ammortizzatori di reagire alle variazioni dinamiche in tempi brevissimi. Il PASM è combinato di serie con l’assetto sportivo, che consente un abbassamento di dieci millimetri.

Aiways U5: la prova


CIVITANOVA MARCHE – Arriva un nuovo brand in Italia: si chiama Aiways ed è importato dal Gruppo Koelliker, storico importatore di marchi auto diventati di importanza primaria sul mercato auto italiano. Il primo mezzo che Aiways presenta in Italia è il crossover elettrico U5. Questo veicolo equipaggiato con 1 Motore Elettrico da 204 cv, negli allestimenti X-Cite o Prime.

Gli Esterni

Esternamente la U5 ha dimensioni medio-grandi (4,68 m x 1,86 m), ha un corpo vettura moderno che si contraddistingue per le linee pulite ed eleganti. Il frontale è molto particolare con i gruppi ottici che si allungano verso i passaruota, mentre l’alloggiamento per la ricarica è posto in uno sportellino sotto uno dei due fari. Molto moderna, come il resto della vettura, è la coda. Linee tese si fondono con forme muscolose e creano un dinamismo sportivo accentuato dal grande gruppo ottico che si estende sotto il lunotto da una parte all’altra del paraurti.


Gli Interni

L’interno, molto elegante e raffinato, presenta un cruscotto minimal, dove troviamo: il quadro strumenti LCD diviso in tre parti, che permette di avere in modo chiaro e immediato tutte le informazioni su viaggio, stato batteria etc; il touchscreen LCD da 12,3” che permette di accedere alle funzioni chiavi come navigazione, bluetooth, musica, app etc., Nel tunnel centrale, altro sistema touchscreen per il climatizzatore, seguito dalla rotella del cambio automatico, il tasto del freno a mano elettronico, il tasto dell’autoparking e due comodi portabicchieri.

Il Test Drive

Ed ora è il momento del test drive: la Aiways U5 guidata è stata la Prime da 46496 €. Con l’arrivo in Italia di Aiways, si amplia la possibilità di scelta di brand che producono prodotti a trazione elettrica, con autonomia aumentata rispetto ai primi modelli usciti qualche anni fa (la U5 è stimata di 400 km di autonomia). Il nuovo prodotto è intuitivo nella guida e nei comandi: non ha tasto di accensione; si sale; si imposta la marcia con la rotella del cambio automatico e si parte per un viaggio nella green motion & emotion. Ampio è lo spazio a bordo dell’arioso abitacolo grazie al grande tetto in vetro che permette alla luce di entrare ed illuminare l’interno. Prestazionalmente la U5 ha un ottimo motore elettrico da ben 204 cv che assicura ottime prestazioni, una buona autonomia di 400 km e sopratutto, con colonnine di ricarica fast, si ricarica in soli 35 minuti (20%-80%).

Il Listino Prezzi

Infine il listino prezzi: per la X-Cite occorrono 43250 €, per la Prime occorrono 45500 € (Elettrico).

Bruno Allevi

L’auto in oggetto è stata provata durante l’evento di presentazione del Brand Aiways, insieme ai piloti di “Quattroruote C’è”, presso la Concessionaria Aiways – Fiat – Lancia – Abarth – Dacia – Renault “Tombolini Motor Company” a Civitanova Marche

mercoledì 27 aprile 2022

Auto: Maldarizzi tra i primi 10 punti vendita Ineos in Italia



BARI – Maldarizzi è tra i primi 10 punti vendita e assistenza in Italia selezionati da Ineos Automotive. La Ineos Grenadier arriva in Puglia e Basilicata. Sono in fase di allestimento le prime dieci concessionarie dedicate al super fuoristrada britannico e tra queste vi è anche Maldarizzi. Posizionate su tutto il territorio nazionale, saranno inglobate all'interno di alcuni tra i più rinomati brand di vendita auto italiani, per garantire un centro di assistenza nel raggio di 50 km su tutto il territorio nazionale.

Ineos Grenadier nasce da un sogno: il presidente Jim Ratcliffe della Ineos Automotive, società sussidiaria di Ineos Group, azienda leader nei settori petrolchimico, dei prodotti chimici speciali e dei prodotti petroliferi è anche un appassionato di avventura e fuoristrada.

Dalla sua passione nasce l’idea di Grenadier: mentre è in un pub con gli amici fantastica sulla costruzione di un’auto con caratteristiche di grande qualità che possa accontentare i veri appassionati. Nasce così Ineos Automotive Limited, con un team di professionisti del settore automobilistico impegnati a trasformare la visione in realtà, offrendo una prospettiva nuova e rivoluzionaria sullo sviluppo e sulla produzione di un 4X4, il veicolo fuoristrada a trazione integrale Grenadier. Progettato per superare ogni avversità e affrontare ogni condizione, offrirà la migliore combinazione di prestazioni in fuoristrada, resistenza e affidabilità a coloro che fanno affidamento sui veicoli come strumenti di lavoro, in qualsiasi situazione.

Il fuoristrada britannico è progettato nel Regno Unito, sviluppato in Austria in collaborazione con Magna e costruito nella fabbrica francese ex Smart di Hambach. I motori a benzina e diesel sono di origine BMW, uniti al cambio automatico ZF a 8 rapporti nella versione con convertitore più grande, e riduttore di coppia, e ad assali rigidi prodotti in Italia dalla Carraro. La Ineos Grenadier può essere equipaggiata con i due 6 cilindri in linea fiori all'occhiello della produzione dell'Elica di Monaco, il B57 diesel e il B58 benzina, rispettivamente da 249 CV e 285 CV. Con una lunghezza di 4,93 metri inclusa la ruota di scorta, una larghezza di 1,93 metri esclusi specchietti e un’altezza di 2,03 metri, dimensioni importanti per esterni ed interni.

Maldarizzi diventa distributore per Puglia e Basilicata di Ineos Granadier, riuscendo ad accontentare chi cerca un SUV estremo e gli appassionati di fuoristrada. Un mezzo trasversale, adatto a privati e ottimo anche per chi cerca un mezzo di lavoro piacevole, che offre comfort e affidabilità a un prezzo adeguato. La qualità del veicolo mostra il suo essere mezzo concepito da un imprenditore che lo ha pensato con emotività, senza risparmi sui materiali che lo compongono, scegliendo solo il meglio del mercato europeo. Le consegne partiranno a settembre e Maldarizzi si conferma unico partner per Puglia e Basilicata.

“Abbiamo lavorato incessantemente per oltre un anno - ha dichiarato Klaus Hartmann, Head of Europe di INEOS Automotive - al fine di individuare partner commerciali in Italia che condividono il nostro stesso entusiasmo nei confronti del Grenadier, ne capiscono le peculiarità e interpretano al meglio le esigenze di chi acquista e guida un 4X4. Oltre, naturalmente, ad avere una comprovata storia di successo ed eccellenza nell’assistenza clienti. Insieme a questi partner non vediamo l’ora di offrire ai clienti del Grenadier la consulenza e il supporto di cui hanno bisogno”.

Maldarizzi Automotive S.p.A. si è affermata come una delle più importanti realtà italiane del mercato automobilistico, con sedi dislocate tra Puglia e Basilicata, Maldarizzi Automotive è un riferimento per il mondo della mobilità dal 1979. Garanzia per la vendita di auto nuove, usate, km0, servizi di assistenza post-vendita, come prodotti e soluzioni assicurative, finanziarie e di micromobilità, assistenza e ricambistica dei più importanti marchi automobilistici.

Le concessionarie ufficiali: Lamborghini, BMW, BMW M, MINI, Mercedes-Benz, AMG Performance Center, Mercedes-Benz V e Vans, Smart, MG Motor, Stellantis per FIAT, JEEP, Lancia, Abarth, Alfa Romeo e FIAT Professional.

Le divisioni: Maldarizzi Multibrand per l'usato garantito e per vetture km0, Maldarizzi 4Business per veicoli commerciali, allestiti e flotte, Maldarizzi Rent per noleggio a medio e lungo termine.

domenica 24 aprile 2022

Ecco il nuovo Lexus RZ


RZ 450e è un nuovo SUV Full Electric, il primo veicolo elettrico Lexus ad essere sviluppato da zero. Non è una vettura che adotta semplicemente l’energia elettrica della batteria al posto di un motore convenzionale; va molto oltre e concretizza l’enorme potenziale delle nuove tecnologie che migliorano le prestazioni e il piacere di guida, fedeli alla filosofia Lexus Electrified.

Prima di tutto, RZ è una Lexus, e mantiene tutte le caratteristiche di performance e artigianalità associate al Brand. L’azienda ha sfruttato la sua grande esperienza nell’elettrificazione dei veicoli per offrire i vantaggi di un BEV con la raffinatezza essenziale e l’esperienza di guida che sono uniche per il marchio. Questo è testimoniato, per esempio, da una trasmissione avanzata con sterzo opzionale by-wire con un nuovo volante One Motion Grip a clocheed e-Axles anteriore e posteriore che funzionano in combinazione con il nuovo controllo di coppia a trazione integrale DIRECT4 di Lexus. Le basi dell’handling e della reattività sono assicurate da una nuova piattaforma dedicata ai veicoli elettrici, che vanta un’eccellente resistenza strutturale, un baricentro basso e un passo generoso. Una batteria potente agli ioni di litio è completamente integrata nel telaio, sotto il pianale dell’abitacolo, e la sua qualità è controllata per garantire il mantenimento delle prestazioni nel tempo.

La piattaforma e l’impostazione full electric anche nuove libertà nel design. L’esterno reinterpreta la forma caratteristica della clessidra Lexus nella carrozzeria del veicolo, mentre l’interno è uno spazio leggero e aperto che è allo stesso tempo semplice e lussuoso, esprimendo l’ospitalità Omotenashi Lexus e la maestria Takumi.

Con le sue prestazioni a zero emissioni, RZ aiuterà Lexus nel suo progresso verso la neutralità carbonica e una società di mobilità sostenibile. Qui l’attenzione non è solo alle prestazioni dell’auto sulla strada, ma abbraccia il suo intero ciclo di vita, dall’approvvigionamento dei componenti, alla produzione e al ciclo di utilizzo, fino all’eventuale smaltimento. Nello stabilimento Lexus di Motomachi, il centro di produzione RZ, sono già stati adottati nuovi metodi nei processi, fasi che generalmente producono le maggiori emissioni.

RZ è il prossimo passo di Lexus per diventare un brand 100% BEV in Europa occidentale e centrale entro il 2030. Il nuovo modello sarà prenotabile dai clienti europei a partire dal 20 aprile, in vista delle prime consegne del veicolo dalla fine del 2022.

In Italia i clienti potranno registrare il proprio interesse accedendo al sito http://lexus.it

Lasciando un versamento di 300€ si avrà la possibilità di prenotare la vettura senza vincoli e ricevere una Card di ricarica con 1.000€ di credito da utilizzare presso tutte le stazioni di ricarica pubblica.

DESIGN ESTERNO

Lexus ha colto la libertà di design offerta dai BEV per creare un veicolo che sembra significativamente diverso dalle auto convenzionali, ma che rappresenta il design Lexus “Next Chapter”. Questo approccio stilistico persegue un design con proporzioni uniche, nate dalle prestazioni dinamiche del veicolo.

Il concetto di design è “seamless E-motion”, ed esprime il carattere potente di un BEV, ovvero prontezza nella risposta e accelerazione senza soluzione di continuità. Il risultato è una forma nuova e semplice che cattura lo spirito dell’evoluzione tecnologica, la funzione e le prestazioni.

Dalla griglia a clessidra al corpo vettura a clessidra

Il design frontale caratterizza fortemente RZ come un BEV. Senza motore a combustione interna, il cofano è stato abbassato e le aperture di aspirazione sono state ridotte. La griglia a clessidra è stata una caratteristica distintiva dei modelli Lexus negli ultimi dieci anni, ma con RZ questa particolare forma si è evoluta tridimensionalmente ed è stata anche estesa al corpo del veicolo.

L’aspetto è accentuato dalla finitura di quella che normalmente sarebbe la zona della griglia nel colore della carrozzeria dell’auto, e dall’oscuramento dell’area su ogni lato. La maggiore flessibilità del design ha anche permesso la realizzazione di passaruota anteriori più muscolosi. L’effetto è accentuato da una nuova finitura opzionale bicolore per la carrozzeria che estende l’area nera a contrasto dal tetto al cofano.

I gruppi ottici di nuovo design sono unificati con il corpo a clessidra. Ultrasottili, danno ulteriore enfasi al Lexus L-motif delle luci di marcia diurna, mentre le luci dei fari principali e gli indicatori di direzione sono resi meno prominenti.

Silhouette potente

Il profilo laterale dell’auto culmina verso la parte posteriore in una silhouette lineare. Il design frontale affilato genera un senso di potenza e movimento, mentre la parte posteriore compatta afferma le qualità di spazio confortevole e forti capacità di guida, proprie dei SUV.

Il passo lungo di 2.850 mm aggiunge enfasi al design, enfatizzando il baricentro basso e l’eccellente bilanciamento dei pesi. Le ruote – di serie da 18 pollici o, per l’alta gamma, da 20 pollici di diametro – sono spinte fino alle estremità della vettura.

Design posteriore

Il carattere BEV si esprime anche nel design della parte posteriore di RZ, con un aspetto fresco e high-tech. Lo spoiler del tetto posteriore contribuisce alla stabilità dell’auto in continuità con il design della vettura.

La linea luminosa che corre per tutta la larghezza dell’auto è diventata una caratteristica distintiva del design Lexus. Qui ha un aspetto tagliente e minimalista con la parte superiore e inferiore rese il più sottile possibile per dare l’impressione di semplicità e precisione.

DRIVING PERFORMANCE

La Lexus Driving Signature

Garantire la Lexus Driving Signature era l’obiettivo primario nello sviluppo delle prestazioni dinamiche di RZ e nel rafforzamento delle caratteristiche principali dell’auto – le “tre C” di trust , control e comfort in tutte le situazioni di guida. Andando oltre, sono stati massimizzati i benefici delle qualità specifiche del BEV, come la risposta rapida e la grande precisione.

Lexus si è assicurata che il veicolo risponda sempre alle intenzioni del guidatore, rendendo la guida sia confortevole che esaltante. L’ingegnere capo Takashi Watanabe ha usato “The Natural” come concetto di performance durante lo sviluppo dell’auto. Si è concentrato sulla qualità di guida con una sensazione naturale, e l’auto segue fedelmente gli input del guidatore attraverso il sistema opzionale One Motion Grip steer-by-wire, una prima mondiale nel settore automobilistico, e il preciso controllo della trazione integrale DIRECT4. Un’attenzione particolare è stata posta nel dare al guidatore una visuale e un feedback eccellenti e nel garantire un controllo preciso dell’assetto del veicolo, in ogni momento.

Piattaforma Lexus dedicata per veicoli elettrici a batteria

La qualità e le caratteristiche della nuova piattaforma di RZ sono le basi per assicurare la Lexus Driving Signature, con un packaging BEV ottimizzato, peso ridotto, distribuzione ottimale dei pesi e rigidità complessiva. Tutto ciò contribuisce alla sicurezza, al controllo e al comfort del guidatore.

Struttura del telaio

La piattaforma e-TNGA di RZ è strutturalmente rigida, con l’unità della batteria integrata nel telaio, sotto l’abitacolo. Questo aiuta anche ad abbassare il baricentro dell’auto, che a sua volta assicura un migliore equilibrio del telaio, una migliore maneggevolezza e una migliore risposta nella guida.

Materiali e metalli ad alta resistenza sono stati impiegati nella realizzazione di RZ, con processi di costruzione avanzati per assicurare una forza eccezionale là dove gli elementi sono uniti insieme, mantenendo il peso basso. Questo aiuta a garantire una maneggevolezza e una risposta precisa, oltre naturalmente al comfort di guida.

Controllo del rumore e delle vibrazioni

Anche se la trasmissione elettrica a batteria produce meno rumore, la silenziosità rende il rumore della strada e dell’ambiente circostante più evidente. Gli ingegneri e i progettisti RZ hanno ritenuto prioritario assicurare che l’ambiente dell’abitacolo fosse adeguatamente isolato e silenzioso, adottando una triplice strategia: controllare il rumore; evitare che entri nell’abitacolo; e prestare particolare attenzione al rumore percepito nei sedili posteriori.

Gli ingegneri hanno anche applicato una versione migliorata del Active Sound Control, che ora utilizza l’impianto audio dell’auto per produrre suoni che enfatizzano la risposta del gruppo propulsore e stimolano una connessione emotiva tra auto e guidatore.

e-Axle elettrico

RZ utilizza l’e-Axle introdotto per la prima volta da Lexus nell’UX 300e Full Electric. Si tratta di un pacchetto compatto e modulare che consiste in un motore, un gruppo ingranaggi e una centralina, situata tra le ruote motrici. Su RZ i sistemi sono utilizzati all’anteriore e al posteriore e operano insieme al controllo della trazione integrale DIRECT4 (dettagli sotto) per regolare la dinamica del veicolo, la trazione e la distribuzione della potenza, a seconda delle condizioni di guida.

Gli e-Axles sono silenziosi, efficienti e forniscono una potenza precisa. Il motore anteriore produce 150 kW e quello posteriore 80 kW, per una potenza totale di 230 kW. Entrambi hanno una densità di potenza superiore, grazie al design ottimizzato del rotore e dello statore. Le loro dimensioni compatte contribuiscono anche al packaging dell’auto, aiutando a garantire più spazio nell’abitacolo e nel vano di carico e ad accogliere la batteria EV.

Prima applicazione del nuovo controllo della trazione integrale Lexus DIRECT4

RZ è il primo modello di produzione dotato del nuovo sistema DIRECT4 di Lexus, che lavora con i due e-Axles DIRECT4, un’esclusiva tecnologia Lexus. Il sistema intelligente è in grado di bilanciare stabile la trazione di tutte e quattro le ruote, distribuendo la forza motrice in modo automatico e continuo. Il risultato sono prestazioni senza stress e grande maneggevolezza, con un funzionamento intuitivo che rafforza il senso di connessione tra guidatore e auto.

DIRECT4 utilizza sensori ECU per raccogliere, valutare e reagire a una serie di fattori, tra cui velocità del veicolo, angolo di sterzata e forze G. Da questi input, calcola e applica immediatamente la coppia motrice appropriata a ciascun asse per massimizzare l’aderenza e la trazione. La ripartizione della coppia anteriore/posteriore può essere regolata da zero a 100 o da 100 a zero in millisecondi, più velocemente di qualsiasi sistema meccanico.

Con una migliore comunicazione tra strada e volante (o cloche), DIRECT4 migliora anche la risposta dello sterzo.

Batteria, autonomia ed efficienza

RZ utilizza una batteria agli ioni di litio composta da 96 celle, e una potenza totale di 71,4 kW. Si trova interamente sotto l’abitacolo e costituisce parte integrante della piattaforma. La sua posizione contribuisce anche al basso baricentro dell’auto.

La durata della batteria è stata una considerazione chiave, in particolare il livello di prestazioni che ci si poteva aspettare dopo 10 anni di guida. Lexus prevede che la batteria di RZ mantenga oltre il 90% della sua capacità entro quel lasso di tempo, grazie a una serie di misure per salvaguardare la qualità e le prestazioni, basate sulla lunga esperienza di Lexus nelle tecnologie di gestione della batteria.

I dettagli sull’autonomia del veicolo e sui tempi di ricarica della batteria saranno comunicati in un secondo momento, ma Lexus prevede che RZ sarà in grado di percorrere più di 400 km nel ciclo combinato WLTP.

Per aiutare i clienti a massimizzare il potenziale di autonomia del proprio veicolo, le modalità di guida selezionabili di RZ includono una modalità Range. Questa si basa sulle prestazioni di risparmio energetico della modalità ECO regolando ulteriormente alcune impostazioni del veicolo: la velocità viene limitata, viene avviato un diverso programma di distribuzione della potenza e il sistema di climatizzazione viene disattivato.

Grazie all’attenzione su fattori chiave, tra cui peso del veicolo ottimizzato, potenza della batteria e prestazioni, RZ ha un consumo inferiore ai 18 kilowatt per 100 km percorsi, il che rende RZ uno dei BEV più efficienti sul mercato.

One Motion Grip: il primo sistema al mondo di tipo steer-by-wire con sterzo a cloche

Il sistema Steer-by-wire One Motion Grip è una delle nuove tecnologie più significative presenti nella Lexus RZ. Non c’è collegamento meccanico e nessun tradizionale piantone dello sterzo; il sistema utilizza un collegamento elettrico per inviare gli input dal volante e dalle ruote. Il risultato è una risposta immediata e un controllo dello sterzo più preciso.

Il guidatore noterà anche una minore oscillazione del volante quando viaggia su strade sconnesse; controllo e correzione stabili con forti venti trasversali ed eccellenti prestazioni in rettilineo anche su superfici inclinate.

La sensazione di sterzata è importante per la sicurezza e il controllo del guidatore. Gli ingegneri Lexus si sono assicurati che il sistema fornisse sensazioni e feedback in ogni momento, mantenendo una forte connessione tra guidatore e auto. C’è anche la presenza di processori fail-safe e un’alimentazione di emergenza, se il sistema devesse perdere l’alimentazione principale.

Il sistema opzionale One Motion Grip è dotato di una nuova cloche dello sterzo, che sostituisce il volante tradizionale. La tecnologia richiede meno sforzo di sterzata da parte del guidatore: con una rotazione di soli 150 gradi della cloche si effettua la rotazione completa dello sterzo da finecorsa a finecorsa, e non c’è bisogno di incrocio delle mani o manovre aggiuntive.

La forma a “farfalla” della cloche è stata sviluppata con il contributo dei driver Takumi di Lexus, il cui feedback ha aiutato a perfezionare ogni elemento per offrire le migliori prestazioni.

Con lo sterzo a cloche, il cliente ha una visuale più aperta della strumentazione principale e della strada davanti a sé. I progettisti di Lexus ne hanno approfittato per alloggiare gli indicatori più in alto e più lontano di quanto sarebbe possibile con un volante convenzionale, riducendo al minimo la necessità del guidatore di regolare la visuale. Questo porta il concetto dell’abitacolo Tazuna a un livello superiore, concentrando l’attenzione del guidatore sulla strada.

VITA A BORDO

Design degli interni e il concetto Tazuna

L’abitacolo di RZ è un’evoluzione del concetto Tazuna, e unisce la posizione del guidatore al volante e la disposizione accurate di indicatori, comandi e display per creare uno spazio in cui sono necessari solo piccoli movimenti della mano e dell’occhio per gestire il veicolo. Il principio si ispira ai piccoli aggiustamenti delle redini che un cavaliere usa per controllare un cavallo, ovvero il significato di “Tazuna” in giapponese. Con l’introduzione del One Motion Grip opzionale (dettagli sopra), è possibile enfatizzare tutti i vantaggi della filosofia della posizione di guida Tazuna.

La disposizione degli indicatori, dell’head-up display e del display multimediale da 14 pollici è stata ottimizzata e il quadro strumenti è stato abbassato, migliorando ulteriormente la visuale anteriore del guidatore. I designer hanno anche interpretato le prestazioni BEV in un design pulito e minimalista con meno elementi e meno ornamenti, pur utilizzando materiali di alta qualità. La console centrale presenta un nuovo indicatore per il sistema shift-by-wire, che riflette la semplicità generale del design.

L’abitacolo è concepito come uno spazio luminoso e aperto, arricchito da un’illuminazione d’ambiente con un’ampia gamma di colori selezionabili, per adattarsi al meglio all’atmosfera del viaggio. Lexus ha anche creato un nuovo effetto di illuminazione, In-ei -multicolor, che crea diversi effetti di luci e ombre sui pannelli delle portiere.

Dotazioni tecnologiche avanzate

Lexus ha introdotto una serie di caratteristiche tecnologiche avanzate incentrate sull’uomo su RZ che migliorano il comfort, la comodità e la vita a bordo, rafforzando lo spirito dell’ospitalità Omotenashi.

Due sono le novità Lexus: un tetto panoramico oscurabile con uno speciale rivestimento per ridurre l’irraggiamento termico e un sistema di riscaldamento radiante per guidatore e passeggero anteriore.

Tetto panoramico oscurabile con schermatura termica

Il tetto panoramico opzionale aumenta la sensazione di spazio e luce nell’abitacolo. Il vetro ha un rivestimento low-e (basso emissivo) che riflette la radiazione infrarossa e riduce il calore radiante nelle giornate di sole, mentre aiuta a mantenere il calore all’interno dell’abitacolo quando fa freddo. Il tetto ha anche una funzione di oscuramento elettrico, che passa istantaneamente da trasparente a opaco con un semplice controllo touch, eliminando la luce solare diretta.

Di conseguenza, è meno necessario utilizzare il sistema di climatizzazione per mantenere una temperatura confortevole e non è necessario un parasole retrattile, il che consente di risparmiare peso, fattori che riducono il consumo di energia della RZ e aiutano a incrementare la sua autonomia.

Riscaldatori radianti

I nuovi riscaldatori radianti sono posizionati all’altezza delle ginocchia davanti al guidatore e al passeggero anteriore, sotto il piantone dello sterzo e la plancia inferiore. Presenti in aggiunta ai riscaldatori dei sedili e al volante riscaldato, aiutano ad accelerare il riscaldamento per il guidatore e il passeggero anteriore, facendo percepire una sensazione di una calda coperta intorno alle gambe. Proprio come il tetto panoramico, aiutano a risparmiare energia, riducendo il carico sull’impianto di climatizzazione.

Sistema multimediale

RZ è dotata della nuovissima piattaforma multimediale Lexus Link, con un funzionamento più rapido e intuitivo e nuove potenzialità per connettività, pianificazione del viaggio efficiente e informazioni.

Il sistema, che ha debuttato sul nuovo Lexus NX, include la navigazione basata su cloud “always on”, che beneficia di informazioni aggiornate su eventi del traffico, incidenti e condizioni stradali. La funzione di riconoscimento vocale intuitiva risponde alle richieste di conversazione ed è in grado di rilevare i comandi in presenza di rumore di fondo. C’è anche un nuovo assistente di bordo “Hey Lexus” e la smartphone integration supporta Apple CarPlay e Android Auto.

Il DCM (modulo di comunicazione dati) del veicolo consente di aggiornare o aggiungere funzioni comodamente via etere, senza alcuna interruzione dell’utilizzo del veicolo.

SICUREZZA E ASSISTENZA ALLA GUIDA

RZ beneficia dei sistemi avanzati di sicurezza attiva e assistenza alla guida presenti nella recente, terza generazione di Lexus Safety System + con funzioni aggiornate e aggiuntive e maggiore portata per il rilevamento del rischio di incidenti.

Ulteriori progressi introdotti con il nuovo RZ includono il Proactive Driving Assist con l’assistenza allo sterzo e un nuovo monitor per controllare il comportamento del guidatore per segni di affaticamento o distrazione.

Il Proactive Driving Assist utilizza la telecamera anteriore per determinare l’angolo di una curva, regolando lo sterzo in modo appropriato quando ci si avvicina e si effettua una svolta.

Sistema e-Latch con Safe Exit Assist

RZ è dotata di Lexus e-Latch, un sistema di apertura elettronico fluido e one-touch della portiera. Il suo funzionamento è collegato al Blind Spot Monitor dell’auto e supporta la Safe Exit Assist, che impedisce l’apertura della portiera se vengono rilevati veicoli o ciclisti in avvicinamento dal retro. Esclusiva Lexus a livello mondiale, dovrebbe aiutare a prevenire il 95% degli incidenti causati dall’apertura delle portiere.

È inoltre disponibile uno specchietto retrovisore digitale, offre al guidatore una visuale più chiara senza ostruzioni da poggiatesta o bagagli e una visione migliore di notte e in condizioni meteorologiche avverse.

20 Mila Huracan prodotte


Automobili Lamborghini annuncia la produzione dell’esemplare numero 20.000 della Huracán: un modello STO nella tonalità Grigio Acheso opaco, destinato a un cliente residente nel Principato di Monaco. La Huracán Super Trofeo Omologata incarna la massima espressione delle prestazioni di un’auto creata per la strada, ma ispirata alla tradizione delle Lamborghini da corsa. Rappresenta il modello di punta dell’ampia famiglia Huracán che, sin dal suo primo lancio nel 2014 e grazie al suo motore aspirato, ha regalato prestazioni ed emozioni di guida autentiche.

Otto anni di successi dal 2014

La Huracán è al centro della scena da otto anni, confermando una forte attrattività grazie alla sua ampia gamma di versioni: dodici stradali e tre da corsa. Dal 2014, il 71% dei clienti Huracán ha scelto la versione Coupé, mentre il 29% ha optato per le versioni open-air. Il mercato principale di questa vettura è rappresentato dagli Stati Uniti, con più del 32% di esemplari consegnati negli ultimi otto anni, seguiti da Regno Unito e Cina. E il successo dura ancora oggi: i modelli Huracán hanno infatti contribuito al record di vendite stabilito nel 2021. Sono state 2.586 le Huracán consegnate in tutto il mondo, un incremento sostenuto dal forte traino e accoglienza registrati dalla STO.

2014: la prima versione Coupé, la LP 610-4

La prima Huracán Coupé (LP 610-4) fa il suo debutto nel 2014 al Salone dell’auto di Ginevra. Dotata di trazione integrale, 610 CV di potenza, vanta un’accelerazione da 0 a 100 km/h in soli 3,2 secondi e una velocità massima di 325 km/h. Tra le novità, propone la selezione delle modalità di guida tramite il pulsante ANIMA, il sistema LPI con giroscopio di bordo, la doppia iniezione di carburante e le luci LED in tutta la vettura, introdotte per la prima volta nel segmento delle supersportive.

La Huracán LP 610-4 Spyder viene svelata al Salone di Francoforte a settembre 2015. Il motore V10 da 5,2 litri ad aspirazione naturale è lo stesso della versione Coupé e genera una potenza di 610 CV. L’accelerazione lancia la vettura da 0 a 100 km/h in soli 3,4 secondi, mentre la velocità massiva raggiunge i 323 km/h.

2015: Huracán LP 580-2, un’esperienza di guida a trazione posteriore

Rispetto alla LP 610-4, la LP 580-2 si differenzia per un motore a potenza inferiore e per la trazione posteriore che sostituisce quella integrale. In realtà, il motore V10 da 5,2 litri è lo stesso della 610-4, ma la sua potenza è ridotta a 580 CV con una coppia pari a 533 Nm. L’assenza della trazione integrale ha permesso agli ingegneri Lamborghini di ridurre il peso di 33 kg rispetto alla versione Coupé, limitandolo così a soli 1.389 kg. La velocità massima raggiunge i 320 km/h.

La variante Spyder RWD della Huracán LP 580-2 è presentata al Salone dell’auto di Los Angeles a novembre 2016. Anche in questo caso, il motore V10 da 5,2 litri ad aspirazione naturale è lo stesso della versione Coupé e genera una potenza di 580 CV. Nel 2016, viene presentato il modello Avio, un’edizione limitata di soli 250 esemplari che rendono omaggio al mondo dell’aviazione e dell’aeronautica a cui si ispira il design della Huracán.

2016: la Huracán Performante debutta con un record sul circuito di Nürburgring

Nel 2016, la Huracán Performante irrompe nel mercato con i suoi 640 CV. Grazie all’innovativo sistema ALA brevettato da Lamborghini, ha segnato il record sul giro per le vetture di serie sul tracciato del Nordschleife Nürburgring e si è aggiudicata vari premi in tutto il mondo. Nel 2018, la Huracán Performante Spyder ha raggiunto l’apice dello sviluppo tecnologico di Huracán, ovvero la combinazione di innovazione tecnologica, prestazioni e guida open-air. Come la Performante Coupé, anche la Spyder eroga una potenza di 640 CV a 8.000 giri/min, generando una coppia di 600 Nm a 6.500 giri/min e un’accelerazione 0-100 km/h in 3,1 secondi e 0-200 km/h in soli 9,3 secondi.

2019: la nuova Huracán EVO, la nuova generazione di supersportive V10

Nel 2019 ha fatto il suo debutto l’evoluzione della Huracán con la versione EVO. Il suo design distintivo ha definito la superiorità aerodinamica e la dinamica di guida migliorata di questo nuovo modello, combinando la potenza di 640 CV e le abilità straordinarie tipiche della Performante con la trazione posteriore, la ripartizione della coppia e il sistema LDVI caratterizzato dalla logica predittiva. La EVO Spyder adotta lo stesso controllo della dinamica della vettura e l’aerodinamica di ultimissima generazione sviluppati per il modello Coupé, con un motore Lamborghini V10 ad aspirazione naturale da 5,2 litri, potenziato per produrre una maggiore potenza e corredato di valvole di aspirazione in titanio.
Nel 2020 è presentata la Huracán EVO Rear-Wheel Drive (RWD), una vettura in grado di combinare una potenza di 610 CV a 8000 giri/min e una coppia di 560 Nm a 6500 giri/min, a una struttura leggerissima a trazione posteriore che garantisce una sterzata dinamica in qualsiasi situazione per esaltare al massimo il divertimento alla guida. La Huracán EVO RWD può raggiungere una velocità di 325 km/h e passare da 0 a 100 km/h in appena 3,3 secondi. Nello stesso anno Automobili Lamborghini è stato il primo brand automotive a servirsi della realtà aumentata per il lancio virtuale di un nuovo modello, ovvero la Huracán EVO RWD Spyder. Grazie alla funzione AR Quick Look di Apple, l’azienda ha potuto presentare la sua ultimissima supersportiva V10 direttamente ai clienti e agli appassionati di tutto il mondo.

2021: la Huracán STO: l’essenza di Lamborghini Squadra Corse

La Huracán STO (Super Trofeo Omologata), lanciata nel 2021, combina l’esperienza nell’ambito del motorsport e il know-how di Lamborghini in una vettura da strada omologata. La nuova vettura si ispira alla Huracán EVO Super Trofeo, sviluppata da Squadra Corse per il campionato monomarca Lamborghini, e alla Huracán EVO GT3, tre volte vincitrice della 24 Ore di Daytona e due volte vincitrice della 12 Ore di Sebring. Grazie ai 640 CV di potenza sprigionati dal motore V10 aspirato e a una coppia pari a 565 Nm a 6.500 giri/min, la Huracán STO a trazione posteriore offre un’accelerazione sorprendente da 0 a 100 km/h in soli 3 secondi e da 0 a 200 km/h in appena 9 secondi, con una velocità massima di 310 km/h.

2022: Huracán Tecnica, pensata e progettata per unire il meglio di due mondi

L’ultima arrivata nella famiglia Huracán, svelata in aprile 2022, è la Huracán Tecnica: la vettura a trazione posteriore con motore V10 di ultima generazione sviluppata per chi cerca la perfezione e il divertimento alla guida all’insegna del lifestyle, sia su strada che su pista. Il nome, Tecnica, incarna l’evoluzione avanzata dell’efficienza tecnica Huracán: inconfondibile fin dal primo sguardo, rappresenta un’innovazione del modello Huracán tanto nell’aspetto esteriore quanto per ciò che si cela sotto al cofano, con linee che ne sottolineano i miglioramenti aerodinamici volti a potenziare le prestazioni, la stabilità e la facilità d’uso, soprattutto su pista. Con il motore mutuato dalla Huracán STO e un incremento di 30 CV rispetto alla Huracán EVO a trazione posteriore (RWD), il gruppo propulsore sprigiona una coppia pari a 565 Nm a un regime massimo di 6.500 giri/min e garantisce un’accelerazione migliorata da 0 a 100 km/h in 3,2 secondi.

Dalla connettività al mondo digitale degli E-sport

Nel 2021, Lamborghini è diventato il primo produttore automotive a integrare il controllo di sistema completo della vettura di Amazon Alexa nella Huracán EVO, nonché la prima ad adottare la funzione what:three:words per un uso preciso del navigatore in qualsiasi parte del mondo.

Gli appassionati Lamborghini possono anche mettersi virtualmente alla guida della Huracán in una vasta gamma di videogiochi e di gare E-sport, tra cui FORZA Horizon e Gran Turismo, Rocket League e Assetto Corsa Competizione.

Il 60% delle Huracán è personalizzata grazie al programma AD Personam

Oltre il 60% delle Huracán consegnate presenta elementi personalizzati attraverso il programma Ad Personam, che mette a disposizione un’ampia scelta di palette di colori, di finiture e di materiali speciali. Attualmente il programma Ad Personam offre 300 colori per l’esterno, ma il cliente può sempre richiedere un’opzione esclusiva. I clienti dell’Europa centrale, di Giappone e Regno Unito, sono quelli che usufruiscono maggiormente delle possibilità di personalizzazione. Sono molti gli oggetti di uso quotidiano che ispirano i clienti Lamborghini, ad esempio oggetti di arredamento, divani, borse, capi d’abbigliamento, ma anche make-up (ombretti e smalti), pietre preziose e cinturini per orologi.

Nell’ambito del programma di personalizzazione, è stata creata anche una Huracán a trazione posteriore con i colori papali, presentata poi in Vaticano e destinata ad essere venduta all’asta per beneficenza.

Huracán Polizia: un lungo sodalizio con la polizia italiana

Nel corso degli anni, sono state diverse le Huracán consegnate alla polizia italiana che suggellano questo legame duraturo. Principalmente usate in caso di emergenze mediche, lo scorso anno una Huracán ha consegnato un organo destinato a un trapianto percorrendo i 489 km che separano Padova da Roma in appena due ore.

La Huracán è presente anche all’aeroporto Guglielmo Marconi di Bologna, dove i viaggiatori possono ammirarla mentre scorta gli aerei in pista.

Avventure e spedizioni Huracán nel mondo

Le Huracán si sono avventurate nei luoghi più disparati, dalla Transilvania alle Highlands scozzesi, passando per le isole Lofoten della Norvegia, lasciando sempre senza parole i partecipanti delle Lamborghini Accademia ed Esperienza, per le loro prestazioni dinamiche adatte a ogni condizione stradale.

Dalla strada alla pista a bordo della Huracán Super Trofeo

La Huracán e la sua erede EVO hanno fatto la storia in pista. Circa 500 esemplari Huracán da corsa sono usciti dalla linea di produzione in veste Super Trofeo e GT3, compresa un’edizione limitata Squadra Corsa per celebrare i 10 anni della Super Trofeo nel 2019. Le Huracán GT3 hanno conquistato oltre 40 campionati e 117 vittorie in più di 12 campionati in tutto il mondo: Lamborghini è l’unico costruttore automotive ad aver vinto la classe GTD della 24 Ore di Daytona per tre volte consecutive, nonché ad aggiudicarsi sia la 24 Ore di Daytona sia la 12 Ore di Sebring con la GT3 e la GT3 EVO, per due anni di fila tra il 2018 e il 2019.