domenica 21 febbraio 2016

Airbag difettoso: Mazda richiama 1,9 milioni di veicoli

L'elenco dei veicoli richiamati dai costruttori, a causa dei malfunzionamenti causati dall'airbag prodotto dalla Takata Corp, si allunga. E' la volta della giapponese Mazda che ha annunciato un nuovo richiamo. Nella lunga lista di case automobilistiche colpite dallo scandalo airbag della Takata Corp, non è risparmiato la casa automobilistica giapponese Mazda. Il gruppo ha annunciato Venerdì di aver richiamato 1,9 milioni di veicoli a causa di questi airbag difettosi. Di queste, 200.000 sono state prodotte per il mercato giapponese tra il 2006 e il 2014. Si aggiungono a 176.000 modelli prodotti nell'arcipelago, ma per l'esportazione. Ma la maggior parte del richiamo colpisce le auto che sono state prodotte al di fuori dell' arcipelago giapponese, di cui 1,5 milioni sono veicoli prodotti all'estero quegli interessati da questo richiamo. Essenzialmente sono i modelli Bongo, Titan e Atenza Sedan. Con questo richiamo l' elenco dei veicoli interessati dalla possibile perdita di valore delle loro airbag realizzati da Takata sale a più di 50 milioni di veicoli richiamati nel 2015. 

All'inizio di questa settimana, GM ha annunciato che avrebbe chiamato negli Stati Uniti circa 200.000 modelli costruiti tra il 2003 e il 2011. Una settimana dopo la Daimler ha annunciato il suo richiamo di 840.000 modelli negli Stati Uniti (tra cui 705.000 Mercedes- Benz). Mentre all'inizio di febbraio è la Honda che aveva deciso il richiamo di 2,23 milioni di auto registrate negli Stati Uniti tra il 2005 e il 2016. Si tratta del più grande richiamo automobilistico nella storia degli Stati Uniti, e il governo si aspetta ulteriori provvedimenti simili. Le componenti difettose, accertate nel deterioramento del gas propellente degli airbag prodotti dalla Takata, hanno causato 11 incidenti mortali e provocato 139 feriti a livello mondiale. 

Nell’attività a tutela dei consumatori e dei proprietari o possessori di veicoli a motore, lo “Sportello dei Diritti” ancora una volta anticipa in Italia l’avvio di procedure di tal tipo da parte delle multinazionali automobilistiche anche a scopo preventivo, poiché non sempre tutti coloro che possiedono una vettura tra quelle indicate viene tempestivamente informato. È necessario, quindi, spiega Giovanni D’Agata presidente dello “Sportello dei Diritti”, prestare la massima attenzione e rivolgersi alle autofficine autorizzate o ai concessionari o ai Concessionari MAZDA Italia, nel caso in cui la propria autovettura corrisponda al modello in questione.

0 commenti:

Posta un commento

Share

Twitter Delicious Facebook Digg Stumbleupon Favorites More